woolrich uomo parka sito ufficiale

rilasciato il 23enne pachistano

L’agenzia di stampa dell’Isis, Amaqnews agency, ha rivendicato l’attentato di Berlino chiamando ilterrorista un “soldato dello Stato islamico” woolrich uomo parka sito ufficiale. Lo riferisce suTwitter Rita Katz, la direttrice del Site, il sito che monitoral’estremismo islamico sul web. “E’una vendetta per gli attacchiin Siria”, è scritto sulla rivendicazione. Nella folle corsa del tir su un mercato di Natale sono morte 12 persone. 48 i feriti di cui 14 in gravissime condizioni.

La strage è avvenuta nel quartieredi Charlottenburg, ai piedi della Gedchtniskirche (chiesa del ricordo). Il vero autore della strage sarebbe dunque essere ancora in fuga. Nessun dubbio invece, che si tratti di un attentato woolrich uomo parka sito ufficiale.

Rilasciato il 23enne pachistano che era stato fermato Per l’attacco era stato fermato un pachistano, poi rilasciato.

Dubbi sulla responsabilità del 23enne erano stati espressi dal presidente della polizia di Berlino, Klaus Kandt, che aveva confermato di “non poter dire che l’uomo arrestato ieri sia l’autista” del tir woolrich uomo parka sito ufficiale.

Camion di una ditta polacca, forse rubato A quanto si apprende, il killer si sarebbe impossessato del tir che è piombato sui visitatori al mercato verso le 16 di pomeriggio. Questo, almeno, quanto emerge anche dalle analisi del Gps del mezzo.

Alla guida del tir c’era un uomo di nazionalità polacca che sarebbe stato ucciso dal killer prima di mettere in atto l’attentato woolrich uomo parka sito ufficiale. Gli agenti hanno fatto irruzione in uno degli hangar del vecchio aeroporto di Tempelhof, nel centro della città, che dall’anno scorso è adibito a centro di accoglienza.

La ricostruzione Alle ore 20 di lunedì 19 dicembre un tir è piombato sul mercatino di Natale della Gednchniskirche travolgendo persone e bancarelle per circa 80 metri. Secondo testimoni il camion aveva i fari spenti e non avrebbe provato a frenare, un dettaglio che avvalora l’intenzionalità del gesto.

Unsere Ermittler gehen davon aus, dass der LKW vorstzlich in die Menschenmenge auf dem Weihnachtsmarkt am Breitscheidplatz gesteuert wurde woolrich uomo parka sito ufficiale.

giubbotto woolrich uomo trovaprezzi

sagra della Primavera in scena alle Muse col coreografo Virgilio Sieni

ANCONA Una danza sacra va in scena il 24 gennaio alle 20,45 alle Muse di Ancona per la Stagione Danza 2015 16 di Marche Teatro. pi che uno spettacolo, un rito cui assistere con partecipazione emotiva quasi religiosa. Da quando Vaslav Nijinsky nel 1913 cur la coreografia della composizione di Igor Stravinskij, sagra della Primavera resta il balletto pi eccitante e insieme sconvolgente della storia della danza occidentale, carico com di dionisiaca estasi giubbotto woolrich uomo trovaprezzi. Virgilio Sieni, insigne coreografo toscano, direttore della Biennale Danza di Venezia, la porta di nuovo sulle scene, col corpo di undici danzatori stagliati su un tappeto rosso, nella produzione del Comunale di Bologna, sulla musica diretta da Pierre Boulez. Forse non esiste artista della danza che non abbia sognato di realizzarne una versione. Sfida mortale? Sfida vinta, e capolavoro.

Come l affrontata, Sieni?

Si tratta di un rito, e rituale significa percorso di rinnovamento, percorso iniziatico. La Sagra della Primavera un atlante di suoni e ritmi e atmosfere, e io volevo penetrare nel rito, per scovare forme simboliche ancestrali che ci legano alla natura, e sono insieme forme della comunit e di quel che la disgrega. Oggi come sempre, sul contesto sonoro di Stravinsky, che senza tempo.

Una coreografia, la sua, che risponde ai canoni della danza contemporanea, cento anni dopo Nijinsky?

Il balletto molto variopinto e di varia lettura, con tutta una decodificazione dei linguaggi contemporanei giubbotto woolrich uomo trovaprezzi.

Molto forti, in questa partitura, sono lo slancio, l della natura, come nel rerum Natura di Lucrezio da lei coreografato?

Nel testo lucreziano, si coglie il principio che tutti noi viviamo di gravit ci conviviamo, soggetti al clinamen, alla deviazione casuale, alla caduta inarrestabile. volevo cogliere il momento indefinito, indescrivibile, di quella declinazione della materia, con il corpo che esplora la natura, la materia e la poesia. Anche l il rito assume una forma quasi fisiologica: da un movimento ne discende un altro, in una ripetizione rituale giubbotto woolrich uomo trovaprezzi.

Quindi, la coreografia della Sagra della Primavera era un passo quasi inevitabile, per lei?

Proprio perch mi sono calato in un periodo di ricerca sulla ritualit sulla ciclicit danza una necessit del corpo umano, nasce dalla natura?

Questo il mio demone: paesaggio, arte, movimento. Da giovane ero incantato davanti alla pittura rinascimentale: lo studio del corpo umano di Piero della Francesca, e di come esso si dispone nello spazio, architettura dentro architettura giubbotto woolrich uomo trovaprezzi. anche la musica architettura se pensa a Bach. e la danza costruisce un musicale, cui concorrono anche l le scienza neuroscienze giubbotto woolrich uomo trovaprezzi. Anche per questo ho creato l sull del gesto, in cui persone con problemi fisici e psichici, ma anche bambini e anziani, scoprono le possibilit del proprio corpo accanto a professionisti della danza: per un allo sguardo, al contatto con l Danzare possibile per tutti, e doveroso!.

Ad aprire lo spettacolo, prima della va in scena danza per sei corpi femminili su musica per due bassi di Daniele Roccato: avete mai visto danzare le statue di Canova?

giubbotto tipo woolrich

Riassunto Canto XXXIII 33

Il canto 33 dell’Inferno si svolge in due parti:La prima parte è ambientata nell’Antenora (seconda delle quattro zone in cui è diviso il nono cerchio), dove si trovano puniti itraditori della patria. L’episodio al centro della prima parte del canto è il dialogo tra Dante e il conte Ugolino della Gherardesca, che narra al poeta la storia dei suoi ultimi giorni da prigioniero nella torre della Muda a Pisa.La seconda parte è ambientata nella Tolomea (terza delle quattro zone in cui è diviso il nono cerchio), dove si trovano puniti itraditori dei parenti. L’episodio al centro della seconda parte del canto è l’incontro tra Dante e l’anima di Frate Alberigo, che spiega al poeta la speciale modalità di dannazione dei peccatori della Tolomea giubbotto tipo woolrich.Le due parti del canto si chiudono ciascuna con un’invettiva la prima contro Pisa, la seconda contro Genova che Dante pronuncia sull’onda dell’indignazione per le scelleratezze che il poeta apprende dalle storie narrate da Ugolino e da frate Alberigo.PRIMA PARTELa prima parte del canto è interamente occupata dal discorso del conte Ugolino, al quale Dante, nella chiusura del canto precedente, ha domandato perché roda con odio il cranio del suo vicino di pena. Ugolino si presenta come Ugolino della Gherardesca, conte di Pisa, e presenta il suo vicino come Ruggieri degli Ubaldini, arcivescovo di Pisa. Quindi il conte, fattoun breve preambolo, narra come Ruggieri abbia fatto morire di fame lui e quattro suoi figli e nipoti innocenti in una cella della torre della Muda a Pisa. I dannati della Tolomea, a differenza di quelli del’Antenora emergono dal ghiaccio di Cocito con il capo supino, in modo che le loro lacrime formino sui loro volti una maschera di ghiaccio che impedisce loro il sollievo del pianto. Al passaggio dei due poeti un dannato li chiama e li implora di pulirgli il volto dal ghiaccio, così che egli possa piangere per un po’. Dante si offre di aiutare il dannato a patto che egli gli riveli la sua identità. Il dannato rivela di essere frate Alberigo (un frate faentino, colpevole di aver fatto assassinare due suoi parenti alla fine di un pranzo nella sua villa). Dante, che sa che frate Alberigo ancora vivo, chiede al frate come sia possibile che la sua anima si trovi all’Inferno. Frate Alberigo spiega che è una prerogativa della Tolomea, che l’anima del traditore vi precipiti nell’istante stesso del peccato, e non alla morte, lasciando nel mondo un corpo “vuoto” e governato da un demone. Quindi il frate aggiunge che tra coloro che il mondo crede vivi, ma la cui anima è in realtà già nella Tolomea, c’è anche l’aristocratico genovese Branca Doria (macchiatosi dell’assassinio del suocero Michele Zanche), la cui anima viene indicata dal frate a poca distanza.Terminato il colloquio, Dante viene meno alla promessa di ripulire dal ghiaccio il viso del frate, per ripagare con un tradimento il frate traditore. Quindi Dante poeta ferma di nuovo il racconto e chiude il canto con una seconda invettiva, questa volta contro i genovesi concittadini di Branca Doria.L’azione del canto 33 dell’Inferno si svolge all’interno del nono cerchio, dove, immersi nel ghiaccio del vasto lago che ha nome Cocito, si trovano puniti i traditori giubbotto tipo woolrich.Il canto si divide in due grandi sezioni:nella prima parte, che si svolge nella cornice dell’Antenora seconda zona del nono cerchio, dove sono puniti i traditori della patria Dante ascolta dal conte Ugolino il racconto dei suoi ultimi giorni da prigioniero nella torre della Muda e dell’orribile morte sua e della sua prole.nella seconda parte, che si svolge nella cornice della Tolomea terza zona del nono cerchio, dove sono puniti i traditori dei parenti Dante fa l’incontro di Frate Alberigo e ascolta dalle sue parole la spiegazione della speciale modalità di dannazione dei traditori dei parenti giubbotto tipo woolrich.Ambedue le sezioni si concludono con un’invettiva la prima contro Pisa, la seconda contro Genova che Dante pronuncia a commento delle storie che sente raccontare dai dannati, sull’onda dell’indignazione giubbotto tipo woolrich.Il racconto si articola in due gruppi di tre sequenze:Versi 1 21: Prologo di Ugolino al racconto dei suoi ultimi giorni.Versi 22 78: Racconto degli ultimi giorni del conte UgolinoVersi 79 90: Invettiva di Dante contro PisaVersi 91 108: Presentazione della TolomeaVersi 109 150: Colloquio con Frate AlberigoVersi 151 157: Invettiva di Dante contro GenovaAl termine del canto 31, Dante e Virgilio sono entrati nel nono cerchio dell’Infero, occupato da un vasto lago ghiacciato il cui nome è Cocito giubbotto tipo woolrich. Qui, al fondo dell’Inferno, cristallizzati nel ghiaccio in modo da emergere solo con la testa china, Dante ha visto puniti quelli che la giustizia divina considera i più nefandi tra i peccatori: i traditori. Dante e Virgilio hanno percorso la Caina, il primo dei quattro sottospazi in cui è diviso Cocito, e sono entrati nell’Antenora, il secondo sottospazio, dove la loro attenzione è stata attirata da un dannato impegnato a rodere, con odio inaudito, il cranio del suo vicino di pena. Dante si è avvicinato e ha chiesto la ragione di tanto odio. A questo punto, prima che il dannato abbia potuto dare una risposta, il racconto del canto 32 è terminato. I primi 21 versi del canto costituiscono una sorta di “prologo”, con cui Ugolino introduce il racconto dei propri ultimi giorni da prigioniero. In questa introduzione il dannato:presenta se stesso, dichiarando di essere il conte Ugolino della Gherardesca (conte e signore di Pisa alla metà del Duecento), e presenta il proprio vicino di pena, dicendo che si tratta di Ruggieri degli Ubaldini (arcivescovo di Pisa).dichiara la ragione per cui egli narrerà, affermando che egli narrerà per odio, vale a dire allo scopo di infamare la memoria dell’uomo che si trova al suo fianco.spiega che il suo racconto avrà per oggetto il vero “umano” della storia della sua morte, ossia non quella parte della storia che tutti conoscono la morte nella torre della Muda per opera dell’arcivescovo Ruggieri ma quegli aspetti della storia, che la Storia non racconta, vale a dire il modo in cui si è consumata la sua fine.

giubbotti woolrich foggia

Roberto Minelli Asma e obesità

L è una malattia cronica caratterizzata da episodi di difficoltà respiratoria di tipo espiratorio (quando l esce dai polmoni) con respiro sibilante, aumento della frequenza respiratoria, e limitazione dell fisica.

Un articolo pubblicato sulla prestigiosissima rivista American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine (per brevità gli addetti ai lavori lo chiamano Journal riporta i dati di un indagine volta a chiarire l della malattia asmatica e della sua terapia sull del peso del bambino.

Glia autori concludono rimarcando il maggiore rischio per obesità dei bambini affetti da asma e l di un buon controllo della malattia asmatica nella prevenzione dell indipendentemente dalla quantità di attività fisica svolta giubbotti woolrich foggia.

La malattia asmatica, una malattia caratterizzata da infiammazione del bronco, condiziona, evidentementenon solo la funzionalità respiratoria ma anche il funzionamento dell organismo facilitando lo sviluppo di un malattia infiammatoria e degenerativa come l

La cosa interessante è che la terapia antiasmatica ben condotta oltre a limitare l il ripetersi delle crisi asmatiche con il conseguente danno cronico della parete bronchiale, aiuta a limitare lo sviluppo dell ponderale patologico.

La terapia di fondo dell si pratica assumendo quotidianamente cortisonici per via inalatoria e molti genitori hanno paura che questa terapia possa influenzare negativamente il peso dei figli favorendo l dell con il successivo sviluppo dell

Questo lavoro suggerisce che le paure non solo sono ingiustificate ma anzi che la terapia antiasmatica ben condotta limita l sviluppo ponderale.

Un ulteriore motivo per praticare una terapia antiasmatica correttamente, senzapaura degli effetti collaterale.

Am J Respir Crit Care Med 2017; doi: 10.1164/rccm.201608 1691OC

Disclaimer / avvertenzeI consigli e suggerimenti espressi in questo blog sono rivolti ad un pubblico generale e non sostituiscono l’attività del Medico di Fiducia che rappresenta il principale interlocutore di ogni paziente. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza una periodicità specifica, e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n 62 del 07/03/01 giubbotti woolrich foggia. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post giubbotti woolrich foggia. Eventuali commenti dei lettori, ritenuti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terze persone, non sono da attribuirsi all’autore che provvederà, tuttavia, a rimuoverli dal sito su richiesta degli interessati giubbotti woolrich foggia. In questo blog non è ammessa pubblicità giubbotti woolrich foggia. Le immagini presenti in questo blog sono state in larga parte reperite sul web e, quindi, valutate di pubblico dominio. Soggetti ripresi o autori che fossero contrari alla loro pubblicazione sono pregati di comunicarlo. I prodotti originali di questo blog si intendono pubblicati sotto Licenza Creative Commons 3.0: la riproduzione degli articoli è consentita citando la fonte, l’autore e il link attivo (CC BY NC SA 3.0).

piumini woolrich corto

Riforma della scuola

La riforma della scuola è legge piumini woolrich corto. Dopo il voto di fiducia sul maxiemendamento al Senato dello scorso 25 giugno, il ddl ha incassato l’ok definitivo della Camera con 277 sì, 173 no e 4 astenuti. Il via libera alla “Buona scuola” è arrivato tra le proteste dentro e fuori l’aula di Montecitorio. Spaccatura anche nel Pd, con 24 onorevoli che non hanno votato.

Cosa cambia Già dal prossimo settembre la scuola cambierà dunque i suoi connotati. In particolare saranno assunti 100mila nuovi prof piumini woolrich corto. Di questi, una parte andranno a occupare i posti comuni, una parte saranno assegnati al sostegno e un’altra parte al potenziamento dell’offerta formativa. Ma cosa cambierà realmente quando gli studenti varcheranno la soglia della propria aula il prossimo settembre?

L’esercito dei prof Il piano assunzioni prevede diverse fasi. Tutti gli altri verranno assunti nel corso dell’anno con decorrenza giuridica dal 1 settembre 2015, ma con decorrenza economica dall’effettiva presa di servizio”. In poche parole, l’anno 2015 16 sarà un anno di transizione, in cui a poco a poco verranno inseriti i quasi 100mila professori dell’organico dell’autonomia.

I prof e gli ambiti territoriali Dopo quest’anno di transizione, comincerà la nuova organizzazione del lavoro dei prof piumini woolrich corto. Gli assunti della Buona Scuola (tutti e 100mila, senza differenze) entreranno a far parte degli ambiti territoriali che il Miur dovrà definire entro il 30 giugno 2016. Le scuole dovranno determinare nel nuovo piano dell’offerta formativa di durata triennale le proprie esigenze e individueranno quindi gli insegnanti di cui ha bisogno dall’ambito territoriale. Nel corso dell’anno “di mezzo” 2015 16, spiega Rembado, ogni istituto dovrà “provvedere al Pof tradizionale di durata annuale e, nello stesso tempo, mettere a punto il Pof triennale. Questa messa a punto sarà fatta in modo che in seguito al 30 giugno 2016, quando sarà fatta la determinazione degli ambiti territoriali di cui farà parte l’organico, ogni istituto potrà individuare gli insegnanti che servono per i propri obiettivi didattici e formativi per i prossimi 3 anni”.

I nuovi prof del potenziamento Si è parlato molto dei prof del cosiddetto “organico funzionale”, ma Giorgio Rembado chiarisce che non c’è stata una vera e propria codificazione in questo senso. Tuttavia, parte dei 100mila nuovi professori andranno a coprire posti “di potenziamento dell’offerta formativa”. Questo vuol dire che si occuperanno di coprire le supplenze brevi, ma anche i corsi di recupero o il sostegno ai ragazzi stranieri, mano a mano che entreranno nelle scuole durante l’anno. Non avranno una cattedra tutta per loro. “Stiamo parlando di una cosa non ancora sperimentata sostiene Rembado bisogna andare un po’ più in là per non cadere in pregiudizi o luoghi comuni prima che possano essere sperimentate le nuove modalità di organizzazione del lavoro”. Come dice il presidente dell’Anp, non ci saranno differenze contrattuali tra chi occuperà i posti comuni e chi occuperà i posti di potenziamento dell’offerta formativa piumini woolrich corto. La valorizzazione degli insegnanti dipenderà quindi dall’utilizzo e dall’organizzazione del loro lavoro da parte delle scuole.

Nuovi prof e vecchi prof Piuttosto, fa notare Rembado, “una differenza significativa resta tra i docenti titolari secondo le vecchie regole e i nuovi docenti che verranno individuati dalle scuole dagli ambiti territoriali” piumini woolrich corto. Infatti, mentre i primi rimangono legati all’istituto, i nuovi assunti della Buona Scuola faranno parte degli ambiti territoriali e verranno assegnati alle scuole secondo le indicazioni del Pof triennale. In teoria, in caso venga meno l’esigenza del loro lavoro e il Pof sia modificato in questo senso, potranno essere soggetti a un cambio di sede. Se questo non avviene, tuttavia, potranno rimanere a insegnare nello stesso istituto.

piumini colorati woolrich

armées civiques et fonction combattante en grèce ancienne viie

Tutti hanno preso parte (e dato vita) ad una vera esperienza di fraternit francescana. Questa volta vissuta come un’ottima occasione per condividere intuizioni, idee e proposte carismaticamente ispiratrici, che aiutano a discernere nuovi orizzonti di formazione e di pastorale piumini colorati woolrich. Sono emerse anche delle domande contestualizzate: Che cosa si intende per nuova evangelizzazione in America Latina? Quali sono le nuove sfide che derivano dai nostri contesti attuali? Come costruire una pi evangelica e francescana testimonianza di vita? Quale immagine vogliamo trasmettere? Insomma, i partecipanti al Congresso hanno vissuto l’esortazione di san Francesco: “E ovunque si trovino i fratelli, devono mostrare familiarit l l (Rb VI, 7) piumini colorati woolrich.

Anche Madonna, che aveva promesso favori sessuali in cambio di voti per Hillary Clinton, ha voluto pubblicare un tweet: “A New Fire Is Lit piumini colorati woolrich. We Never Give Up. We Never Give In’ America” (Non ci arrenderemo mai, non cederemo mai America).. La Cassa per il Mezzogiomo si configura come una persona giuridica pubblica, con finalità di particolare interesse statale (ente pubblico “statale”), o, secondo alcuni, addirittura come organo dello stato provvisto di personalità giuridica. Organicità ed unitarietà, sia nell’impostazione che nell’esecuzione dei programmi, sono le caratteristiche che distinguono l’attività dell’ente, la cui particolare organizzazione permette di operare con criter di maggiore dinamicità e snellezza e di superare la tradizionale dissociazione degli interventi affidati alle amministrazioni ordinarie attraverso la concessione e la direzione unitaria nell’attuazione di complessi organici di opere. Tuttavia, il legislatore ha avuto cura di assicurare il necessario collegamento e l’armonica cooperazione tra gli organi dell’amministrazione ministeriale ordinaria e la Cassa attraverso l’opera di un gruppo di ministri, indicati dalla stessa legge istitutiva, riuniti nel Comitato dei ministri per il Mezzogiorno piumini colorati woolrich.

Oggi, è una super star planetaria. Un interprete non più giovane, ma intelligente e complesso che sceglie i suoi ruoli più per amore che per calcolo o vil denaro.Leonardo DiCaprio ha vinto l’Oscar come attore protagonista in Revenant. Lo dico al passato perché il fatto è certo.

La loi de 1792 resta ainsi en vigueur jusqu’au Code civil de 1804 qui maintint le divorce pour faute et, de manière très restrictive, le divorce par consentement mutuel et son application ne conduisit pas, en dépit de pointes localisées dans les grandes villes, à une flambée de ruptures, puisque le nombre total des divorces de 1792 à 1803 est évalué autour de 3000013 piumini colorati woolrich. Si l’abrogation du divorce par la Seconde Restauration, en 1816, a pu donner l’impression que le droit révolutionnaire avait été un phénomène circonstanciel, on ne peut pas parler d’un rejet unanime de la part des populations concernées. D’autres innovations introduites dans le droit de la famille par la Révolution n’ont pas été complètement abandonnées par le Code Napoléon.

spaccio woolrich bologna sito ufficiale

Romano Lil conferenza

Roma 21 giugno. Butì Lavoro. Conferenza Nazionale delle Cooperative dei Rom/Sinti, ore 16 Sala Rosi viale Manzoni 16. L?Opera Nomadi e le cooperative di lavoro di varie città d?Italia, propongono al Governo una strategia per il LAVORO come strumento centrale dell?autosviluppo economico e sociale del popolo dei Rom/Sinti in Italia. Presenti i sottosegretari dei Ministeri dell?Economia, del Lavoro, delle Pari Opportunità.

Opera Nomadi e le emanazioni Baxtalodrom

Padova 19 giugno. Si è tenuta, alle ore 15 19,30, la IV Conferenza Nazionale dei Rom e Sinti organizzata da Opera Nomadi di Padova con il patrocinio del Comune: microaree per i Sinti e i Rom e l?inserimento lavorativo: alternative possibili ai campi?ghetto e all?emarginazione sociale Un?occasione di confronto, alla presenza di qualificate figure istituzionali, per fare il punto sulla questione habitat e lavoro rispetto ai Rom/Sinti spaccio woolrich bologna sito ufficiale.

A partire dalla storia, che è conoscenza, servono politiche sociali supportate da nuovi strumenti legislativi, per favorire l?integrazione. E quindi abolire definitivamente i ?campi nomadi?, di segregazione razziale, per attivare politiche sull?abitazione e sul lavoro tenendo conto della specificità dei Rom/Sinti, che passa prima di tutto dal riconoscimento come Minoranza Etnica e Linguistica, coi Rom/Sinti portatori di identità e protagonisti attivi delle politiche che li riguardano. A lato, ma strettamente inter secata, la questione attuale dei Rom rumeni, e dei Rom ?Jugoslavi? storici, che va affrontata ?in primis? dal punto di vista della regola rizzazione per poi interconnettersi alla situazione generale.

Il suggerimento che esce dalla IV conferenza è un invito alla co struzione di ponti (come ?patto sociale?) di comunicazione e di relazione: prima di tutto fra Rom/Sinti ?italiani? e ?stranieri?, nell?ottica della comunanza (il duende della ma anche con le comunità italiane per superare un isolamento culturale storico che sembra essersi radicato.

Prossimo appuntamento, per i costruttori di ponti, a luglio, alla Commissione Affari Sociali del Parlamento.

La Conferenza si tiene alla sala ?Fornace Carotta?, in via Siracusa n 61, e vede la partecipazione di Daniela Ruffini e Claudio Sinigaglia, assessori del comune di Padova, di Massimo Converso, presidente nazionale dell?Opera Nomadi, Renata Paolucci, Marta Cimento e Virgilio Pavan, dell?Opera Nomadi locale, di Memè Gabrielli di Bolzano, di Yuri Del Bar e Carlo Berini di Mantova, di Roberto Berardi dell?UNAR (Ufficio Nazionale Anti Discriminazione Razziale), di Stefano Galieni, del dipartimento immigrazione di Rifondazione Comunista e Tiziana Valpiana, deputata al Parla mento ed attenta alle questioni sociali ed ai minori spaccio woolrich bologna sito ufficiale. ?Oltre ai problemi locali occorre promuovere pari opportunità?, spiega l ?e riflettere sulla situazione generale del Paese. Servono nuovi strumenti, anche a livello legislativo, da mettere a disposizione degli Enti Locali. Per progetti che stiamo già portando avanti. Sono d?accordo per lo smantellamento dei ?campi nomadi? ed in questo senso moltissime sono le esperienze delle microaree, una strada utile contro l e la ghettizzazione, come vanno sostenute le famiglie che scelgono di entrare nelle case. Dobbiamo offrire opportunità a tutti i cittadini, con l?aiuto degli stessi destinatari e dell?Opera Nomadi?.

CONVERSO: LA STORIA E L?ATTUALITA?

Massimo Converso, presidente nazionale dell?opera Nomadi parte dalla storia per arrivare all dei nostri giorni.

In Italia Rom e Sinti sono circa 150mila. Di questi 70mila sono italiani, per lo più stanziali, 30mila rom provengono dalla ex Jugoslavia e 50mila arrivano dai Balcani con un aumento impressionante: sono mediamente diecimila ogni anno i rom che raggiungono l dalla Romania. Questa immigrazione di massa, destinata a crescere, aggrava la situazione di Rom e Sinti italiani già presenti: le condizioni di vita diventano sempre più difficili, la realtà dei campi nomadi è segnata dal degrado, le condizioni lavorative sono assolutamente precarie.

?Gli anni ?60, del secolo scorso, sono stati gli anni della perdita dei mestieri tradizionali dei Rom/Sinti: nel commercio, nell?artigianato, nelle attività tradizionali. C?erano, per fare un esempio, 1.300.000 equini in Italia con i Rom addetti al loro commercio. Al Sud i mediatori ?gagi? imparavano un po? di ?romanès? per ?trattare? i cavalli. Oggi, per continuare l?esempio, ci sono solo 100.000 equini in Italia. Dalla crisi delle attività economiche ne deriva quella sociale ed abitativa. Anche la crisi delle giostre, per i Sinti, nonostante la legge 337 del 1968, legge Corona, abbia tentato di porvi rimedio ma non è stata mai applicata.

A questa crisi l?Opera Nomadi sta rispondendo con i mediatori culturali, le cooperative sociali, il ripristino, dove possibile, dei mestieri tradizionali ma anche individuando percorsi facilitati di accesso al lavoro con l?aiuto delle Regioni e delle pubbliche ammi nistrazioni spaccio woolrich bologna sito ufficiale. Purtroppo è avvilente la mancanza di coordinamento fra gli Enti Locali per mettere ?in rete? le esperienze sia positive che negative spaccio woolrich bologna sito ufficiale. Come le grandi aggregazioni abitative che producono devianza. E? fallimentare in questo senso l?esperienza di Cosenza dove i Rom sono stati inseriti in palazzine a quattro piani, in numero troppo elevato, ma è aumentata la dispersione scolastica e la devianza. Ma l?emergenza attuale è quella dei Rom rumeni che da 5.000 sono diventati 50.000 negli ultimi cinque anni. Una migrazione di Rom che non si verificava in numero così cospicuo, da quarant?anni, basti pensare che i ?rumeni? sono arrivati anche in Australia. Questa emergenza ha messo in secondo piano ed aggravato le condizioni dei Rom/Sinti italiani. Tant?è che la maggioranza dei Parlamentari, ad esempio, pensa che i Rom siano solo quelli ?stranieri? ed ignora che ci siano quelli ?italiani?. E nei prossimi anni arriveranno, con l?apertura delle frontiere, altri 100.000 Rom da Romania e Bulgaria. A questa situazione noi, Opera Nomadi, abbiamo richiesto un intervento Governativo urgente che tracci una linea politica per affrontare in modo serio soprattutto la questione del lavoro, quella delle microaree e di una politica di accoglienza civile verso i Rom di Romania e Bulgaria?.

PAVAN: I CAMPI CREANO SOLO PROBLEMI

Virgilio Pavan, referente del ?campo? di via Tassinari e Consigliere nazionale dell?Opera Nomadi, spiega che i ?campi nomadi? creano solo problemi e ?non bisogna dimenticare queste famiglie?. Per Pavan non è più possibile vivere facendo il giostraio, soprattutto per le tasse, ed allora i giovani cercano nuovi mestieri, ma vengono lasciati a casa se i datori vengono a sapere che vivono in un ?campo?. ?Ecco perché è importante vivere nelle case?, conclude Virgilio chiedendo all?assessore Sinigaglia il tempo di realizzazione del concordato ?Villaggio Speranza?.

GABRIELLI: LE MICROAREE ABITATIVE

Memè Gabrielli, vice presidente sinto dell?Opera Nomadi di Bolzano, legge un documento programmatico sulle microaree abitative di Radames Gabrielli dell?associazione Nevo Drom. I ?campi nomadi? vanno eliminati a favore di microaree con casette prefabbricate. La microarea è una area per una sola famiglia ?allargata?, con spazio privato e servizi adeguati. Uno spazio a dimensione familiare dove non occorre chiedere il permesso, come col regolamento del ?campo?, per andare via una settimana o per ricevere un ospite. La microarea rispetta gli usi e tradizioni dei Sinti e Rom e si risolvono tanti problemi anche riducendo le spese, perché non c?è bisogno di pagare una cooperativa per gestirla come col ?campo?.

DEL BAR: ROM E SINTI IN PRIMA PERSONA

?Ringrazio dell?invito perché i Rom e Sinti devono essere sempre protagonisti, come qui? esordisce il sinto Yuri Del Bar consigliere comunale di Mantova. ?Gli Ebrei e Sinti sono stati gli unici popoli sottoposti a guerra razziale dal regime nazi fascista nel secolo scorso. Gli Ebrei hanno ora uno Stato, i Sinti no e continuano a vivere nei ?campi nomadi? di discriminazione. Allora 500.000 vittime non sono servite e niente. L?Italia è conosciuta come il Paese dei ?campi?: nati per sosta temporanea sono diventati stabili. E per i residenti non c?è mai stata una politica sociale, come la cassa integrazione per gli operai. Oggi bisogna risolvere questo problema dei ?campi?, ma prima bisogna togliere le discriminazioni sennò non serve e niente e non è possibile lavorare in pace?.

BERINI: RICONOSCIMENTO DEI ROM/SINTI COME MINORANZA ETNICA E LINGUISTICA

?Il nostro primo obiettivo? spiega Carlo Berini, presidente Opera Nomadi di Mantova, ?è quello della partecipazione diretta dei Rom/Sinti nelle politiche che li riguardano e soprattutto dei soldi della comunità investiti nel settore. Questo potrebbe essere un obiettivo anche a Padova affiancato all?elezione di un Sinto in Consiglio comunale?.

?Il secondo obiettivo è quello di uscire dalla visione folcloristica che hanno i ?gagi? rispetto ai Rom/Sinti, che sono portatori di una pro pria cultura ed identità: ci sono 29 minoranze Sinti e Rom in Italia. E tutti i metodi di inclusione sociale ?modello sottoproletariato?, come i corsi per panettiere o per saldatore, sono falliti perché non tengono conto di questo . Bisogna invece potenziare le attività tradizionali e sostenere lo spettacolo viaggiante spaccio woolrich bologna sito ufficiale. Purtroppo la legge n.347 del 1968 è stata disattesa ed i finanziamenti, invece che alle giostre, sono finiti solo ai grossi circhi ed ai grossi parchi?.

?Sull?habitat bisogna uscire dalla politica dei ?campi nomadi? per praticare la politica delle microaree incentivando l?acquisto di terreni da parte di Sinti e Rom. Purtroppo il Testo Unico 380 per l?edilizia, del giugno 2001, entrato in vigore nel 2005, per cercare di arginare l?abusivismo edilizio e proteggere il paesaggio (si pensi alle ville e capanni costruiti sulle coste) ha posto il dito anche sulle roulotte che posizionata su una spiaggia o su un terreno agricolo sono diventate abusi edilizi. Questa regolamentazione ha discriminato ancora di più i Rom e Sinti che cercavano, o erano riusciti, di uscire dai ?campi nomadi? comprando terreni agricoli. Una legge discriminatoria perché all?interno di essa si poteva trovare la maniera di ?sanare? le situazioni esistenti prima del 31 dicembre 2004, di messa in pratica. Riguardo all?habitat, la proposta che facciamo è che ogni Comune destini l?1 per mille del territorio come terreno destinato alle microaree?.

?Ma prima di tutto il nostro impegno va per il Riconoscimento di Minoranza Etnica e Linguistica, come Spagna, Svezia, Austria, per costruire un soggetto europeo. Questo riconoscimento permette rebbe di uscire dalla politica dell?emergenza puntando sulla metodologia, riconosciuta, della mediazione culturale. Tutte le attività sui Rom/Sinti devono essere gestite da loro, almeno in quota del 60 %?.

MICROAREE PER I SINTI DEL ?CAMPO S. LAZZARO?

Renata Paolucci, a nome di alcune famiglie presenti, chiede al vice sindaco Sinigaglia le sue intenzioni per le microaree per i residenti del ?campo S. Lazzaro?. A nome della signora Tapparello e di altri Sinti, chiede inoltre se è possibile fare una deroga al testo Unico 380, legge urbanistica 2001, che vieta di mettere roulotte ma anche capanni in aree agricole. Se è possibile abolire quella legge che impedisce ai Sinti di vivere in microaree agricole.

Marika Parussati va di persona al tavolo dei relatori: ?Siamo sempre lì coi topi, fate qualcosa per noi!?